Vitamina D vegetale
  • Vitamina D vegetale
Vitamina D vegetale
Vitamina D vegetale

Vitamina D vegetale

IT VIT D.png

La vitamina D è una pietra miliare del nostro sistema immunitario e della salute delle ossa. Si tratta della prima carenza in Occidente con 6 italiani su 10 che ne soffrono.

Estratta da licheni boreali, la nostra vitamina D3 vegetale è integrata in un olio di Colza extravergine per un assorbimento ottimale. Con il suo dosaggio di 1000 UI per goccia, è ideale per l'uso quotidiano, e per tutta la famiglia (da 4 anni).

330 gocce • à partire da 1/dì

17,90 €
Aggiungi al carrello


Risparmia con i packs
Pack di 3 Vitamina D
53,70 € 50,00 € Économisez 3,70 € Aggiungi al carrello
Pack Vitaminico
40,80 € 39,00 € Économisez 1,80 € Aggiungi al carrello
100% vegan
100% vegan
sans gluten
senza glutine
sans ogm
senza OGM
sans additifs
senza additivi
sans gélatine
senza gelatina
fabriqué en France
made in Francia

La vitamina D rappresenta la carenza più comune in occidente, assieme al magnesio.

La vitamina D rappresenta la carenza più comune in occidente, assieme al magnesio.

EFFICACIA

Vitamina D bio-identica e vegetale

Sotto forma di D3 (colecalciferolo), la vitamina D è molto più efficace della D2. Anche se si trova essenzialmente nel mondo animale e viene molto spesso estratta da lana di pecora, il lichene boreale rappresenta una delle rare eccezioni alla regola e ci permette di proporvi una vitamina 100% vegetale.

Forma altamente assimilabile

In quanto vitamina liposolubile, la nostra D3 viene integrata a un olio di colza biologico per un assorbimento ottimale.

Una dose per grandi e piccoli

La vitamina D3 è un attore importante nella salute immunitaria e nella crescita ossea. Un dosaggio adattabile a 1000UI/goccia ci permette di adattare il flacone a tutta la famiglia, a partire dai 4 anni !

BENEFICI

  • La vitamina D è necessaria per la normale crescita ossea e lo sviluppo nei bambini,
  • La vitamina D contribuisce al normale assorbimento e all'uso di calcio e fosforo,
  • La vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario dei bambini,
  • La vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario,
  • La vitamina D aiuta a mantenere la normale funzione muscolare,
  • La vitamina D svolge un ruolo nel processo di divisione cellulare,
  • La vitamina D aiuta il mantenimento di denti normali,
  • La vitamina D aiuta a mantenere una normale struttura ossea.

MODI D'USO

Quando prendere la vitamina D3 ?

  • La Vitamina D3 deve essere presa a colazione.

Quante gocce ?

  • Per gli adulti (a partire dai 15 anni) : 2 gocce al giorno.
  • Per i bambini (dai 4 ai 15 anni) : 1 goccia al giorno.

Come assumere la Vitamina D ?

  • Le gocce devono essere prese direttamente sulla lingua o in un cucchiaio, o aggiunte a una bevanda fredda.

Durata di un flacone

  • 5 mesi.

Precauzioni d’uso

  • Utilizzare nell’ambito di un’alimentazione sana e di uno stile di vita equilibrato.
  • Non oltrepassare le dosi giornaliere consigliate.
  • Utilizzo a partire dai 4 anni.
  • Le donne in gravidanza o in fase di allattamento devono chiedere consiglio al proprio medico prima di qualsiasi integrazione.

Condizioni di conservazione

  • Conservare in un luogo fresco e asciutto al riparo da luce e fonti di calore.
  • Tenere fuori dalla portata dei bambini.

COMPOSIZIONE

1 goutte (40,5 mg)

Vitamina D3 (Colecalciferolo) derivato da licheni  : 1000 UI di cui 25 μg - 500% des VNR*

Olio vergine di colza BIO (Brassica napus L) : 39,2 mg

*Valori Nutritivi di Riferimento

Ingredienti : Olio Vergine di Colza*,  Vitamina D3 vegetale da lichene, antiossidante: vitamina E. Ingredienti da agricoltura biologica. Contiene il 96% di ingredienti biologici, FR-BIO-01.

SCIENZA

Che cos’è la vitamina D ?

La vitamina D è vitale per la salute delle ossa poiché stimola l'assorbimento e il metabolismo del calcio e del fosforo. Il primo ruolo stabilito della vitamina D è l'assorbimento del calcio a livello intestinale e quindi la mineralizzazione e il rimodellamento delle ossa. Nel corso degli anni di ricerca sulla vitamina D, le sue funzioni sono state ampiamente documentate: regolazione del metabolismo, proliferazione cellulare e differenziazione. Questa vitamina fa parte della classe di vitamine liposolubili e ha un'azione ormonale.Ci sono due forme di vitamina D: vitamina D2 o ergocalciferolo e vitamina D3 o colecalciferolo. La sintesi della vitamina D3 avviene nella pelle dopo l'esposizione al sole e può essere consumata tramite fonti di alimenti animali (essenzialmente) mentre la forma D2 è la forma sintetica che si trova spesso nei prodotti alimentari fortificati in vitamina D e deriva dalle piante [1,2]. Per sintetizzare :

  • La vitamina D2 naturale di origine vegetale è sintetizzata dall' ergosterolo (provitamina D): l'ergocalciferolo è quindi solo di origine esogena,
  • La vitamina D3 naturale, per lo più di origine animale, è sintetizzata nell'epidermide sotto l'azione del sole: il colecalciferolo è quindi di origine endogena ed esogena.

Ritroviamo le più grandi qualità di vitamina D negli alimenti di origine animale e in particolare nei prodotti ittici (vedi la tabella su quantità di vitamina D (μg) per 100g di alimenti consumati).

AlimentoQuantità di vitamina D (μg/100g)
Olio di fegato di merluzzo250
Fegato di merluzzo in conserva54
Aringa affumicata≈20
Sgombro e Sardine grigliate12
Salmone crudo o al vapore≈9
Materia grassa vegetale tipo margarina≈7,5
Funghi secchi4


Il mercato degli integratori alimentari è invaso da prodotti differenti tra loro: capsule oleose, gocce, gomme da masticare … L'origine più comune è la lanolina: un grasso ricavato dalla lana di pecora. Anche se scarse, oggi esistono fonti alternative, di origine vegetale e sotto forma di vitamina D3.

Perché la vitamina D è essenziale alla nostra salute ?

Come già specificato prima, la vitamina D è primordiale per assicurare la  salute ossea. Ma i suoi benefici, vanno al di là di tale ruolo [3–6] :

  • Implicazione nell’espressione di numerosi geni del nostro metabolismo,
  • Partecipazione all’attività del nostro sistema immunitario,
  • Ruolo primordiale per la crescita e lo sviluppo del feto e del bambino,
  • Protezione contro il rischio di malattie croniche (obesità, diabete di tipo II, cancro). In particolare, una meta-analisi ha riportato che l'integrazione di vitamina D riduce il rischio di mortalità [7],
  • Implicazione nelle performances fisiche. Dati recenti mostrano che una integrazione in vitamina D tale da assicurare la copertura del fabbisogno nutrizionale potrebbe essere benefica per il miglioramento delle performances fisiche [8,9].

Le pubblicazioni relative all’integrazione in vitamina D non hanno smesso di aumentare negli ultimi 10 anni. È inoltre grazie a queste pubblicazioni che la vitamina D ha dimostrato tutta la sua importanza e il suo ruolo benefico nella salute extraossea [10].

Mentre l'integrazione è essenziale come strategia globale di prevenzione della salute per la popolazione generale, per alcune popolazioni più sensibili alla carenza sembra essere assolutamente essenziale. Ad esempio, impedirebbe in modo significativo il rischio di cadute e fratture nei soggetti con osteoporosi [11]. Infine, garantirebbe una crescita ottimale del feto durante la gravidanza e l'infanzia per combattere ritardi e disturbi dello sviluppo [12].

Dove si trova la vitamina D naturale ?

Come già accennato in questo stesso articolo, la vitamina D nell’Uomo proviene principalmente dall’esposizione solare. Dopo quest'ultima, la radiazione UVB fotolizza (decompone) il "7-deidrocolesterolo" (7-DHC) immagazzinato nell'epidermide come pre-vitamina D3. Una volta formata, quest'ultima subisce una trasformazione termica per formare a sua volta la vitamina D3 che si unisce al flusso sanguigno. D'altra parte, quando l'esposizione alla luce solare è eccessiva, la pre-vitamina D3 si trasforma in prodotti di vitamina D inattivi. Quando consumiamo la vitamina D, sotto forma di D2 o D3, questa viaggia attraverso il tratto intestinale ed entra nel flusso sanguigno. Queste due forme di vitamina D, D3 (dalla luce solare e dal cibo) e D2 (dal cibo) si trasformano nel fegato in una forma di vitamina D3: il calcidiolo (25 (OH) D ). Ed è in questa forma che la vitamina D viene quindi definita pro ormone (che è una forma ormonale inattiva).È quindi nei reni che il calcidiolo viene trasformato in calcitriolo (1,25 (OH) 2D). È in questa forma che la vitamina D diventa un ormone attivo, chiamato ormone steroideo. In questa forma esercita il suo ruolo più noto nel metabolismo osseo. Questa forma possiede quella che viene chiamata attività ipercalcemica e iperfosfatemica: stimola l'assorbimento di calcio e fosforo a livello intestinale, contribuendo al meccanismo di mineralizzazione ossea (sintesi di composti ossei, in particolare collagene). Il calcitriolo lavora in concerto con un ormone con la stessa attività, l'ormone paratiroideo [6,13,14].

La vitamine D dans l'organisme

Perché optare per una integrazione in vitamina D ?

Malgrado l’origine solare e alimentare della vitamina D, numerosi soggetti presentano delle carenze. Nelle donne, essendo lo stato osseo molto sollecitato nel tempo a causa delle plurime variazioni ormonali che si verificano, i controlli in vitamina D tramite determinazione plasmatica del calcidiolo (25 (OH) D) vengono effettuati in modo più automatico. La carenza di vitamina D può infatti essere misurata con un esame del sangue. I valori di riferimento variano tra le diverse autorità sanitarie a seconda del Paese in cui ci si trovi [15]. I valori di riferimento riportati per lo stato della vitamina D plasmatica sono i seguenti [8,16]:

StatoTasso plasmatico (nnmol/l)Tasso plasmatico (ng/ml)
Carenza grave<25-30<10-12
Carenza/Insufficienza30-5012-25
Tasso adeguato5020
Tasso adeguato per limitare rischio di caduta7530
Tossicità>125>50


Le ragioni di una carenza di vitamina D sono diverse e possono accumularsi [5,13] :

  • Come già visto, pochi alimenti contengono in maniera naturale quantità significative in vitamina D,
  • A seconda delle stagioni, il meteo può essere più o meno soleggiato: la stagione invernale per esempio rappresenta un periodo di sintesi praticamente nulla in vitamina D, e il tutto può ovviamente variare a seconda della zona geografica in cui ci si trova,
  • Benché la vitamina D possa essere immagazzinata nei tessuti adiposi (++) e nei muscoli (+), lo stock rimane comunque limitato e non permette di assicurare il fabbisogno nei periodi non soleggiati,
  • Il nostro stile di vita (sedentario, assenza totale di prodotti contenenti vitamina D, protezione forte contro i raggi del sole …), lo stato di salute (sovrappeso importante, invecchiamento) etnia …

Per questi motivi comprendiamo perché la carenza di vitamina D è comune nella popolazione generale: ecco che ci sono diversi motivi per i quali assumere un integratore di vitamina D.Inoltre, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha stabilito i valori nutrizionali di riferimento (VNR) per la vitamina D in base ai diversi gruppi di età: per un adulto le quantità sono valutate a 15 μg / giorno o 600 UI / giorno [17].

D'altra parte, l'analisi di diversi studi riporta che questi VNR non coprono tutte le esigenze e soprattutto che non tengono conto delle variabilità che esistono a seconda dello stile di vita e dello stato di salute degli individui. Le conclusioni di questa analisi su 8 studi clinici su soggetti di età superiore ai 40 anni, hanno mostrato che la copertura del fabbisogno potrebbe essere equivalente a circa 50 μg al giorno o 2000 UI al giorno [18,19]. Gli studi hanno anche riportato come la bio efficacia della vitamina D3 sia molto maggiore di quella della forma D2, sostenendo che una eventuale integrazione dovrebbe essere fatta solo nella forma D3 [20].

Publications

  1. Zhang, R.; Naughton, D.P. Vitamin D in health and disease: Current perspectives. Nutr. J. 2010, 9, 65, doi:10.1186/1475-2891-9-65.
  2. Souberbielle, J.-C.; Maruani, G.; Courbebaisse, M. Vitamine D : métabolisme et évaluation des réserves. Presse Médicale 2013, 42, 1343–1350, doi:10.1016/j.lpm.2013.07.010.
  3. Wang, S. Epidemiology of vitamin D in health and disease. Nutr. Res. Rev. 2009, 22, 188–203, doi:10.1017/S0954422409990151.
  4. Hossein-nezhad, A.; Holick, M.F. Vitamin D for Health: A Global Perspective. Mayo Clin. Proc. 2013, 88, 720–755, doi:10.1016/j.mayocp.2013.05.011.
  5. Meehan, M.; Penckofer, S. The Role of Vitamin D in the Aging Adult. J. Aging Gerontol. 2014, 2, 60–71, doi:10.12974/2309-6128.2014.02.02.1.
  6. Jorge, C. Vitamin D – new insights into an old molecule. Port. J. Nephrol. Hypertens. 2019, 33, doi:10.32932/pjnh.2019.10.033.
  7. Autier, P.; Gandini, S. Vitamin D Supplementation and Total Mortality. ARCH INTERN MED 2007, 167, 8.
  8. de la Puente Yagüe, M.; Collado Yurrita, L.; Ciudad Cabañas, M.J.; Cuadrado Cenzual, M.A. Role of Vitamin D in Athletes and Their Performance: Current Concepts and New Trends. Nutrients 2020, 12, 579, doi:10.3390/nu12020579.
  9. Wiciński, M.; Adamkiewicz, D.; Adamkiewicz, M.; Śniegocki, M.; Podhorecka, M.; Szychta, P.; Malinowski, B. Impact of Vitamin D on Physical Efficiency and Exercise Performance—A Review. Nutrients 2019, 11, 2826, doi:10.3390/nu11112826.
  10. Scragg, R. Emerging Evidence of Thresholds for Beneficial Effects from Vitamin D Supplementation. Nutrients 2018, 10, 561, doi:10.3390/nu10050561.
  11. van den Bergh, J.P.W.; Bours, S.P.G.; van Geel, T.A.C.M.; Geusens, P.P. Optimal Use of Vitamin D When Treating Osteoporosis. Curr. Osteoporos. Rep. 2011, 9, 36–42, doi:10.1007/s11914-010-0041-0.
  12. Hollis, B.W.; Wagner, C.L. New insights into the vitamin D requirements during pregnancy. Bone Res. 2017, 5, 17030, doi:10.1038/boneres.2017.30.
  13. Holick, M.F. Vitamin D Deficiency. N ENG J MED 2007, 357, 266–277.
  14. Landrier, J.-F. Vitamine D : sources, métabolisme et mécanismes d’action. Cah. Nutr. Diététique 2014, 49, 245–251, doi:10.1016/j.cnd.2014.07.008.
  15. HAS Vitamine D_Note de cadrage_Utilité clinique du dosage de la vitamine D; 2013; p. 42;.
  16. Basit, S. Vitamin D in health and disease: a literature review. Br. J. Biomed. Sci. 2013, 70, 161–172, doi:10.1080/09674845.2013.11669951.
  17. EFSA Dietary reference values for vitamin D; 2016; p. 145;.
  18. Heaney, R.P.; Armas, L.A.G.; French, C. All-Source Basal Vitamin D Inputs Are Greater Than Previously Thought and Cutaneous Inputs Are Smaller. J. Nutr. 2013, 143, 571–575, doi:10.3945/jn.112.168641.
  19. Holick, M.F.; Binkley, N.C.; Bischoff-Ferrari, H.A.; Gordon, C.M.; Hanley, D.A.; Heaney, R.P.; Murad, M.H.; Weaver, C.M. Evaluation, Treatment, and Prevention of Vitamin D Deficiency: an Endocrine Society Clinical Practice Guideline. J. Clin. Endocrinol. Metab. 2011, 96, 1911–1930, doi:10.1210/jc.2011-0385.
  20. Mistretta, V.I.; Delanaye, P.; Chapelle, J.-P.; Souberbielle, J.-C.; Cavalier, É. Vitamine D2 ou vitamine D3 ? Rev. Médecine Interne 2008, 29, 815–820, doi:10.1016/j.revmed.2008.03.003.
EFFICACIA
BENEFICI
MODI D'USO
COMPOSIZIONE
SCIENZA

Vitamina D bio-identica e vegetale
Sotto forma di D3 (colecalciferolo), la vitamina D è molto più efficace della D2. Anche se si trova essenzialmente nel mondo animale e viene molto spesso estratta da lana di pecora, il lichene boreale rappresenta una delle rare eccezioni alla regola e ci permette di proporvi una vitamina 100% vegetale.

Forma altamente assimilabile
In quanto vitamina liposolubile, la nostra D3 viene integrata a un olio di colza biologico per un assorbimento ottimale.

Una dose per grandi e piccoli
La vitamina D3 è un attore importante nella salute immunitaria e nella crescita ossea. Un dosaggio adattabile a 1000UI/goccia ci permette di adattare il flacone a tutta la famiglia, a partire dai 4 anni !

  • La vitamina D è necessaria per la normale crescita ossea e lo sviluppo nei bambini,
  • La vitamina D contribuisce al normale assorbimento e all'uso di calcio e fosforo,
  • La vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario dei bambini,
  • La vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario,
  • La vitamina D aiuta a mantenere la normale funzione muscolare,
  • La vitamina D svolge un ruolo nel processo di divisione cellulare,
  • La vitamina D aiuta il mantenimento di denti normali,
  • La vitamina D aiuta a mantenere una normale struttura ossea.

Quando prendere la vitamina D3 ?

  • La Vitamina D3 deve essere presa a colazione.

Quante gocce ?

  • Per gli adulti (a partire dai 15 anni) : 2 gocce al giorno.
  • Per i bambini (dai 4 ai 15 anni) : 1 goccia al giorno.

Come assumere la Vitamina D ?

  • Le gocce devono essere prese direttamente sulla lingua o in un cucchiaio, o aggiunte a una bevanda fredda.

Durata di un flacone

  • 5 mesi.

Precauzioni d’uso

  • Utilizzare nell’ambito di un’alimentazione sana e di uno stile di vita equilibrato.
  • Non oltrepassare le dosi giornaliere consigliate.
  • Utilizzo a partire dai 4 anni.
  • Le donne in gravidanza o in fase di allattamento devono chiedere consiglio al proprio medico prima di qualsiasi integrazione.

Condizioni di conservazione

  • Conservare in un luogo fresco e asciutto al riparo da luce e fonti di calore.
  • Tenere fuori dalla portata dei bambini.
Composti1 gocciaVNR*
Vitamina D3 (Colecalciferolo) derivato da licheni1000 UI di cui 25 μg500%
Olio vergine di colza BIO (Brassica napus L)39,2 mg


*Valori Nutritivi di Riferimento

Ingredienti : Olio Vergine di Colza*,  Vitamina D3 vegetale da lichene, antiossidante: vitamina E. Ingredienti da agricoltura biologica. Contiene il 96% di ingredienti biologici, FR-BIO-01.

Che cos’è la vitamina D ?
La vitamina D è vitale per la salute delle ossa poiché stimola l'assorbimento e il metabolismo del calcio e del fosforo. Il primo ruolo stabilito della vitamina D è l'assorbimento del calcio a livello intestinale e quindi la mineralizzazione e il rimodellamento delle ossa. Nel corso degli anni di ricerca sulla vitamina D, le sue funzioni sono state ampiamente documentate: regolazione del metabolismo, proliferazione cellulare e differenziazione. Questa vitamina fa parte della classe di vitamine liposolubili e ha un'azione ormonale.Ci sono due forme di vitamina D: vitamina D2 o ergocalciferolo e vitamina D3 o colecalciferolo. La sintesi della vitamina D3 avviene nella pelle dopo l'esposizione al sole e può essere consumata tramite fonti di alimenti animali (essenzialmente) mentre la forma D2 è la forma sintetica che si trova spesso nei prodotti alimentari fortificati in vitamina D e deriva dalle piante [1,2]. Per sintetizzare :

  • La vitamina D2 naturale di origine vegetale è sintetizzata dall' ergosterolo (provitamina D): l'ergocalciferolo è quindi solo di origine esogena,
  • La vitamina D3 naturale, per lo più di origine animale, è sintetizzata nell'epidermide sotto l'azione del sole: il colecalciferolo è quindi di origine endogena ed esogena.

Ritroviamo le più grandi qualità di vitamina D negli alimenti di origine animale e in particolare nei prodotti ittici (vedi la tabella su quantità di vitamina D (μg) per 100g di alimenti consumati).

AlimentoQuantità di vitamina D (μg/100g)
Olio di fegato di merluzzo250
Fegato di merluzzo in conserva54
Aringa affumicata≈20
Sgombro e Sardine grigliate12
Salmone crudo o al vapore≈9
Materia grassa vegetale tipo margarina≈7,5
Funghi secchi4


Il mercato degli integratori alimentari è invaso da prodotti differenti tra loro: capsule oleose, gocce, gomme da masticare … L'origine più comune è la lanolina: un grasso ricavato dalla lana di pecora. Anche se scarse, oggi esistono fonti alternative, di origine vegetale e sotto forma di vitamina D3.

Perché la vitamina D è essenziale alla nostra salute ?
Come già specificato prima, la vitamina D è primordiale per assicurare la  salute ossea. Ma i suoi benefici, vanno al di là di tale ruolo [3–6] :

  • Implicazione nell’espressione di numerosi geni del nostro metabolismo,
  • Partecipazione all’attività del nostro sistema immunitario,
  • Ruolo primordiale per la crescita e lo sviluppo del feto e del bambino,
  • Protezione contro il rischio di malattie croniche (obesità, diabete di tipo II, cancro). In particolare, una meta-analisi ha riportato che l'integrazione di vitamina D riduce il rischio di mortalità [7],
  • Implicazione nelle performances fisiche. Dati recenti mostrano che una integrazione in vitamina D tale da assicurare la copertura del fabbisogno nutrizionale potrebbe essere benefica per il miglioramento delle performances fisiche [8,9].

Le pubblicazioni relative all’integrazione in vitamina D non hanno smesso di aumentare negli ultimi 10 anni. È inoltre grazie a queste pubblicazioni che la vitamina D ha dimostrato tutta la sua importanza e il suo ruolo benefico nella salute extraossea [10].

Mentre l'integrazione è essenziale come strategia globale di prevenzione della salute per la popolazione generale, per alcune popolazioni più sensibili alla carenza sembra essere assolutamente essenziale. Ad esempio, impedirebbe in modo significativo il rischio di cadute e fratture nei soggetti con osteoporosi [11]. Infine, garantirebbe una crescita ottimale del feto durante la gravidanza e l'infanzia per combattere ritardi e disturbi dello sviluppo [12].

Dove si trova la vitamina D naturale ?
Come già accennato in questo stesso articolo, la vitamina D nell’Uomo proviene principalmente dall’esposizione solare. Dopo quest'ultima, la radiazione UVB fotolizza (decompone) il "7-deidrocolesterolo" (7-DHC) immagazzinato nell'epidermide come pre-vitamina D3. Una volta formata, quest'ultima subisce una trasformazione termica per formare a sua volta la vitamina D3 che si unisce al flusso sanguigno. D'altra parte, quando l'esposizione alla luce solare è eccessiva, la pre-vitamina D3 si trasforma in prodotti di vitamina D inattivi. Quando consumiamo la vitamina D, sotto forma di D2 o D3, questa viaggia attraverso il tratto intestinale ed entra nel flusso sanguigno. Queste due forme di vitamina D, D3 (dalla luce solare e dal cibo) e D2 (dal cibo) si trasformano nel fegato in una forma di vitamina D3: il calcidiolo (25 (OH) D ). Ed è in questa forma che la vitamina D viene quindi definita pro ormone (che è una forma ormonale inattiva).È quindi nei reni che il calcidiolo viene trasformato in calcitriolo (1,25 (OH) 2D). È in questa forma che la vitamina D diventa un ormone attivo, chiamato ormone steroideo. In questa forma esercita il suo ruolo più noto nel metabolismo osseo. Questa forma possiede quella che viene chiamata attività ipercalcemica e iperfosfatemica: stimola l'assorbimento di calcio e fosforo a livello intestinale, contribuendo al meccanismo di mineralizzazione ossea (sintesi di composti ossei, in particolare collagene). Il calcitriolo lavora in concerto con un ormone con la stessa attività, l'ormone paratiroideo [6,13,14].

La vitamine D dans l'organisme

Perché optare per una integrazione in vitamina D ?
Malgrado l’origine solare e alimentare della vitamina D, numerosi soggetti presentano delle carenze. Nelle donne, essendo lo stato osseo molto sollecitato nel tempo a causa delle plurime variazioni ormonali che si verificano, i controlli in vitamina D tramite determinazione plasmatica del calcidiolo (25 (OH) D) vengono effettuati in modo più automatico. La carenza di vitamina D può infatti essere misurata con un esame del sangue. I valori di riferimento variano tra le diverse autorità sanitarie a seconda del Paese in cui ci si trovi [15]. I valori di riferimento riportati per lo stato della vitamina D plasmatica sono i seguenti [8,16]:

StatoTasso plasmatico (nnmol/l)Tasso plasmatico (ng/ml)
Carenza grave<25-30<10-12
Carenza/Insufficienza30-5012-25
Tasso adeguato5020
Tasso adeguato per limitare rischio di caduta7530
Tossicità>125>50


Le ragioni di una carenza di vitamina D sono diverse e possono accumularsi [5,13] :

  • Come già visto, pochi alimenti contengono in maniera naturale quantità significative in vitamina D,
  • A seconda delle stagioni, il meteo può essere più o meno soleggiato: la stagione invernale per esempio rappresenta un periodo di sintesi praticamente nulla in vitamina D, e il tutto può ovviamente variare a seconda della zona geografica in cui ci si trova,
  • Benché la vitamina D possa essere immagazzinata nei tessuti adiposi (++) e nei muscoli (+), lo stock rimane comunque limitato e non permette di assicurare il fabbisogno nei periodi non soleggiati,
  • Il nostro stile di vita (sedentario, assenza totale di prodotti contenenti vitamina D, protezione forte contro i raggi del sole …), lo stato di salute (sovrappeso importante, invecchiamento) etnia …

Per questi motivi comprendiamo perché la carenza di vitamina D è comune nella popolazione generale: ecco che ci sono diversi motivi per i quali assumere un integratore di vitamina D.Inoltre, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha stabilito i valori nutrizionali di riferimento (VNR) per la vitamina D in base ai diversi gruppi di età: per un adulto le quantità sono valutate a 15 μg / giorno o 600 UI / giorno [17].

D'altra parte, l'analisi di diversi studi riporta che questi VNR non coprono tutte le esigenze e soprattutto che non tengono conto delle variabilità che esistono a seconda dello stile di vita e dello stato di salute degli individui. Le conclusioni di questa analisi su 8 studi clinici su soggetti di età superiore ai 40 anni, hanno mostrato che la copertura del fabbisogno potrebbe essere equivalente a circa 50 μg al giorno o 2000 UI al giorno [18,19]. Gli studi hanno anche riportato come la bio efficacia della vitamina D3 sia molto maggiore di quella della forma D2, sostenendo che una eventuale integrazione dovrebbe essere fatta solo nella forma D3 [20].

Publications

  1. Zhang, R.; Naughton, D.P. Vitamin D in health and disease: Current perspectives. Nutr. J. 2010, 9, 65, doi:10.1186/1475-2891-9-65.
  2. Souberbielle, J.-C.; Maruani, G.; Courbebaisse, M. Vitamine D : métabolisme et évaluation des réserves. Presse Médicale 2013, 42, 1343–1350, doi:10.1016/j.lpm.2013.07.010.
  3. Wang, S. Epidemiology of vitamin D in health and disease. Nutr. Res. Rev. 2009, 22, 188–203, doi:10.1017/S0954422409990151.
  4. Hossein-nezhad, A.; Holick, M.F. Vitamin D for Health: A Global Perspective. Mayo Clin. Proc. 2013, 88, 720–755, doi:10.1016/j.mayocp.2013.05.011.
  5. Meehan, M.; Penckofer, S. The Role of Vitamin D in the Aging Adult. J. Aging Gerontol. 2014, 2, 60–71, doi:10.12974/2309-6128.2014.02.02.1.
  6. Jorge, C. Vitamin D – new insights into an old molecule. Port. J. Nephrol. Hypertens. 2019, 33, doi:10.32932/pjnh.2019.10.033.
  7. Autier, P.; Gandini, S. Vitamin D Supplementation and Total Mortality. ARCH INTERN MED 2007, 167, 8.
  8. de la Puente Yagüe, M.; Collado Yurrita, L.; Ciudad Cabañas, M.J.; Cuadrado Cenzual, M.A. Role of Vitamin D in Athletes and Their Performance: Current Concepts and New Trends. Nutrients 2020, 12, 579, doi:10.3390/nu12020579.
  9. Wiciński, M.; Adamkiewicz, D.; Adamkiewicz, M.; Śniegocki, M.; Podhorecka, M.; Szychta, P.; Malinowski, B. Impact of Vitamin D on Physical Efficiency and Exercise Performance—A Review. Nutrients 2019, 11, 2826, doi:10.3390/nu11112826.
  10. Scragg, R. Emerging Evidence of Thresholds for Beneficial Effects from Vitamin D Supplementation. Nutrients 2018, 10, 561, doi:10.3390/nu10050561.
  11. van den Bergh, J.P.W.; Bours, S.P.G.; van Geel, T.A.C.M.; Geusens, P.P. Optimal Use of Vitamin D When Treating Osteoporosis. Curr. Osteoporos. Rep. 2011, 9, 36–42, doi:10.1007/s11914-010-0041-0.
  12. Hollis, B.W.; Wagner, C.L. New insights into the vitamin D requirements during pregnancy. Bone Res. 2017, 5, 17030, doi:10.1038/boneres.2017.30.
  13. Holick, M.F. Vitamin D Deficiency. N ENG J MED 2007, 357, 266–277.
  14. Landrier, J.-F. Vitamine D : sources, métabolisme et mécanismes d’action. Cah. Nutr. Diététique 2014, 49, 245–251, doi:10.1016/j.cnd.2014.07.008.
  15. HAS Vitamine D_Note de cadrage_Utilité clinique du dosage de la vitamine D; 2013; p. 42;.
  16. Basit, S. Vitamin D in health and disease: a literature review. Br. J. Biomed. Sci. 2013, 70, 161–172, doi:10.1080/09674845.2013.11669951.
  17. EFSA Dietary reference values for vitamin D; 2016; p. 145;.
  18. Heaney, R.P.; Armas, L.A.G.; French, C. All-Source Basal Vitamin D Inputs Are Greater Than Previously Thought and Cutaneous Inputs Are Smaller. J. Nutr. 2013, 143, 571–575, doi:10.3945/jn.112.168641.
  19. Holick, M.F.; Binkley, N.C.; Bischoff-Ferrari, H.A.; Gordon, C.M.; Hanley, D.A.; Heaney, R.P.; Murad, M.H.; Weaver, C.M. Evaluation, Treatment, and Prevention of Vitamin D Deficiency: an Endocrine Society Clinical Practice Guideline. J. Clin. Endocrinol. Metab. 2011, 96, 1911–1930, doi:10.1210/jc.2011-0385.
  20. Mistretta, V.I.; Delanaye, P.; Chapelle, J.-P.; Souberbielle, J.-C.; Cavalier, É. Vitamine D2 ou vitamine D3 ? Rev. Médecine Interne 2008, 29, 815–820, doi:10.1016/j.revmed.2008.03.003.

Da dove vengono i nostri ingredienti ?

Origine des ingrédients de la Mélatonine
Vitamina D3 Vegetale - Vitashine® - ProTec Nutra

Origine del lichene boreale : Irlanda, Canada, Scandinavia. Estrazione : Gran Bretagna.
ProTec è il produttore di riferimento di vitamina D3 naturale e vegetale grazie al suo processo brevettato e unico.

Olio di Colza biologico - Olio Cauvin

Origine della Colza : Italia e Romania. Estrazione : Saint-Gilles
Huile Cauvin è un’azienda familiare che opera nella regione di Nimes da più di 60 anni. È conosciuta per la sua esperienza unica in oli vegetali biologici.

Produzione del mix - Phytéo

Aouste-sur-Sye, Francia
Phytéo fa parte del gruppo Herbarom uno dei produttori nutraceutici più reputati in Francia, in particolare per la professionalità nell’ambito degli oli.

Vitashine® - ProTec Nutra

Origine del lichene boreale : Irlanda, Canada, Scandinavia. Estrazione : Gran Bretagna.
ProTec è il produttore di riferimento di vitamina D3 naturale e vegetale grazie al suo processo brevettato e unico.

Olio di Colza biologico - Olio Cauvin

Origine della Colza: Italia e Romania. Estrazione: Saint-Gilles
Huile Cauvin è un’azienda familiare che opera nella regione di Nimes da più di 60 anni. È conosciuta per la sua esperienza unica in oli vegetali biologici.

Produzione del mix - Phytéo

Aouste-sur-Sye, Francia
Phytéo fa parte del gruppo Herbarom uno dei produttori nutraceutici più reputati in Francia, in particolare per la professionalità nell’ambito degli oli.

Prodotti da associare

FAQ

La vostra miscela contiene lanolina di pecora ?

No ! In effetti, la lanolina viene estratta dalla lana di pecora ed è una fonte primaria di vitamina D3. Tuttavia, per noi era importante poter offrire ai nostri clienti un prodotto vegan : ecco perché ci siamo orientati verso il lichene boreale, un fungo da cui si può estrarre la vitamina D3.

E se prendo più di 2 gocce ?

Si consiglia di attenersi rigorosamente al dosaggio consigliato. Una o due gocce possono essere prese direttamente o in un cucchiaio (o in uno yogurt o in un bicchiere d'acqua). Se, tuttavia, prendi accidentalmente più della dose raccomandata, niente panico ! La vitamina D viene immagazzinata dall'organismo e puoi ad esempio fare una pausa dall'assunzione per alcuni giorni prima di riprenderla.

Perché 500% di VNR ?

L'analisi di diversi studi ha dimostrato che i VNR europei non sarebbero sufficienti a coprire il fabbisogno di vitamina D, questo perché non tengono conto delle differenze nello stile di vita e dello stato di salute medio della popolazione. I risultati basati su 8 studi clinici sono a favore di fabbisogni equivalenti a 2000 UI al giorno.

Posso abbinare questo prodotto al Multi ?

Assolutamente ! 3 capsule di Multi forniscono 1000 UI, combinando con una goccia di vitamina D3 al giorno si ottiene 2000 UI, la dose giornaliera raccomandata.

Come misuro il mio stato di vitamina D ?

A differenza del magnesio, conoscere il tuo livello di vitamina D è molto semplice: basta un esame del sangue !

La vitamina D è un farmaco ?

Sì, ma non solo! La vitamina D senza prescrizione medica esiste anche come integratore alimentare, con un dosaggio adatto all'assunzione giornaliera.

La vitamina D dovrebbe essere accompagnata da calcio e vitamina K ?

Diversi studi scientifici hanno dimostrato un effetto sinergico tra vitamina D e vitamina K sull'aumento della densità minerale ossea totale e sulla diminuzione della calcificazione nei vasi. D'altra parte, l'integrazione di vitamina K non è raccomandata in alcuni contesti (persone che assumono anticoagulanti, bambini, ecc.). Tuttavia la nostra vitamina D è stata progettata per essere adatta a tutta la famiglia. Può comunque essere combinata con il Multi, che contiene vitamina K2.Quando si tratta di calcio, è molto raro soffrire di una carenza poiché le diete occidentali ne sono ricche. Ad oggi, la sua integrazione non ha dimostrato la sua efficacia e ad alte dosi potrebbe addirittura avere un impatto negativo sulla sfera cardiovascolare. Risulta quindi più interessante procedere ad una integrazione con i cofattori del calcio (vitamina D3 e K2) che con il calcio stesso.