Enzimi digestivi
  • Enzimi digestivi
Enzimi digestivi
Enzimi digestivi

Enzimi & Tarasacco

Enzimi

Lattasi, proteasi, lipasi, etc. Gli enzimi scompongono gli alimenti per facilitare la loro assimilazione. Non animale, il nostro mix è il primo a rispondere principalmente a due situazioni che necessitano di un apporto di enzimi :

  • 12,000 ALU di lattasi per rimediare all’intolleranza ai latticini,
  • Altri 6 enzimi come la lipasi, la papaina o ancora l’amilasi e del tarassaco per aiutare la digestione di pasti copiosi.

60 capsule • a partire da 1/dì

22,90 €
Aggiungi al carrello


Risparmia con i packs
Pack di 3 Enzimi & Tarasacco
68,70 € 63,00 € Économisez 5,70 € Aggiungi al carrello
Pack Digestione
48,30 € 46,00 € Économisez 2,30 € Aggiungi al carrello
100% vegan
100% vegan
sans gluten
Senza glutine
sans ogm
Senza OGM
sans additifs
senza additivi
sans gélatine
Senza gelatina
fabriqué en France
made in Francia

In Italia si stima circa che il 40% della popolazione italiana, sia intollerante al lattosio.
DOI: 10.1210/jc.2014-1217

In Italia si stima circa che il 40% della popolazione italiana, sia intollerante al lattosio.
DOI: 10.1210/jc.2014-1217

EFFICACIA

12.000 ALU di lattasi: niente più incubi con i latticini !

Se sei intollerante al lattosio, sai quanto sia essenziale la lattasi per la digestione dei latticini. La nostra miscela contiene fino a 12.000 ALU di lattasi (2 capsule / pasto) per consentirti di digerire cibi come latte, panna, alcuni formaggi o anche alcuni dolci con la massima tranquillità.

Un mix per tutti i terreni !

Oltre alla lattasi, la nostra formula contiene lipasi, papaina, proteasi, amilasi, cellulasi, α-galattosidasi e tarassaco per consentire l'azione su tutti i tipi di macronutrienti: proteine, lipidi e carboidrati. I latticini e i pasti abbondanti dovranno essere buoni !

Insisti sull'attività e non sulla quantità !

L'efficacia di un enzima non si misura dalla sua quantità ma dalla sua attività. Ognuno di loro ha una propria unità che deve essere presente sull'etichetta. Questa trasparenza è il riflesso di un dosaggio appositamente lavorato, lontano da miscele che enumerano un lungo elenco di enzimi senza garantirne l'attività.

Una lattasi adattabile alle tue esigenze

A seconda del grado di intolleranza e della quantità di latticini ingeriti, potrebbe essere necessario assumere da una (6000 ALU) a due (12000 ALU) capsule per pasto *.

* In tutti i casi, è importante non superare le 3 capsule al giorno.

BENEFICI

  • La lattasi migliora la digestione del lattosio negli individui che hanno difficoltà a digerirlo.
  • Da consumare con prodotti contenenti lattosio (latte, panna, dessert a base di latte, formaggio). La tolleranza al lattosio varia da persona a persona, si prega di informarsi sul ruolo di questa sostanza nella propria dieta.
  • Il tarassaco stimola la digestione.

MODI D'USO

Quando assumere gli enzimi digestivi ?

  • All'inizio del pasto.
  • Non assumere senza pasti.

Nell’ambito :

  • Di intolleranza al lattosio.
  • Di un pasto troppo ricco (pasti delle vacanze, pasti difficili da digerire, ecc.).
  • Di difficoltà abituale a digerire durante i pasti.

Quante capsule ?

  • Si consigliano da 1 a 2 capsule durante il pasto.
  • In tutti i casi, non superare le 3 capsule al giorno.

Come prendere le sue capsule ?

  • Da prendere con un grande bicchiere d’acqua.
  • Non aprire le capsule.

Durata di un flacone

  • Da 30 a 60 giorni.

Condizioni di conservazione

  • Conservare in un luogo asciutto al riparo dalla luce.

Precauzioni

  • Non superare le 3 capsule al giorno.
  • Non superare da 1 a 2 capsule per pasto.
  • Non aprire le capsule.
  • Non adatto a bambini piccoli.
  • Integratore alimentare a base di enzimi e tarassaco, da utilizzare in aggiunta ad una dieta sana ed equilibrata.

COMPOSIZIONE

Per 2 capsule

Miscela di 7 enzimi  : 650 mg
  Papaina : 60 000 PU(1) - 60 mg
  Proteasi : 40 000 HUT(2) - 60 mg
  α-Amilasi : 3000 DU(3) - 60 mg
  Cellulasi : 3000 CU(4) - 60 mg
  Lipasi : 3000 FIP(5) - 60 mg
  α-Galattosidasi : 600 GalU(6) - 60 mg
  β-Galattosidasi (lattasi) : 12000 ALU(7) - 60 mg

Tarassaco radice in polvere : 80 mg

(1) unità di papaina; (2) unità di emoglobina; (3) unità di destrinizzazione; (4) unità di cellulasi; (5) unità di lipasi; (6) unità galattosidasi; (7) unità di lattasi;

Ingredienti : miscela enzimatica Nutri & Co (agente di carica: gomma di acacia, papaina, proteasi, α-amilasi, cellulasi, lipasi, α-galattosidasi, β-galattosidasi (lattasi)) agente di rivestimento: idrossipropilmetilcellulosa; Tarassaco radice in polvere (Taraxacum Officinale).

SCIENZA

Proteine, carboidrati, lipidi ... Chi sono ?

I nostri alimenti sono costituiti da grandi molecole chiamate macronutrienti e sono rappresentati da 3 categorie principali :

  • Proteine : le proteine ​​sono un insieme di unità di amminoacidi (leucina, treonina, lisina, triptofano, fenilalanina, valina, metionina, isoleucina…). Insieme, questi amminoacidi formano dipeptidi, tripeptidi ... cioè peptidi di diverse dimensioni che insieme formano proteine.

  • Carboidrati : I carboidrati sono un insieme di unità di saccaridi, equivalenti anche a monosaccaridi, i principali sono: glucosio, galattosio, mannosio, fruttosio e ribosio (presenti naturalmente nella nostra dieta). Il nostro cibo è composto principalmente da polisaccaridi come :
    1. amido (catene di unità di glucosio) presenti nella pasta amidacea, nel riso, nelle patate, nel pane ...,
    2. cellulosa presente nelle piante (ortaggi, frutta e legumi) in proporzioni maggiori o minori,
    3. alcuni carboidrati presenti sotto forma di disaccaridi come il saccarosio (zucchero da tavola).

  • Lipidi : i lipidi (o grassi) sono una raccolta di unità di acidi grassi. Nella nostra dieta li consumiamo principalmente sotto forma di trigliceridi, molecole che contengono 3 acidi grassi. Anche il colesterolo fa parte della categoria dei lipidi. Sono presenti nella nostra dieta attraverso il consumo di grassi da cucina (burro o olio) oppure cibi che ne sono ricchi come i formaggi o anche alcune carni grasse.

E il lattosio in tutto questo ?

Il lattosio è lo zucchero presente nel latte e quindi appartiene alla classe dei carboidrati. Nello specifico, è un disaccaride costituito da un'unità di glucosio e un'unità di galattosio. Si trova nei latticini (latte fresco, latte in polvere, yogurt, ricotta, panna, ecc.) o anche nei dolci (crema dolce, budino di riso, ecc.).

Dai macronutrienti ai micronutrienti

I nostri alimenti sono quindi un insieme di queste 3 grandi categorie di macronutrienti, ma non solo! È attraverso la scomposizione di questi macronutrienti che si ottengono gli amminoacidi, gli acidi grassi. Tra la categoria dei micronutrienti troviamo anche le vitamine e i minerali che vengono forniti direttamente dal nostro cibo, sempre in proporzioni variabili a seconda del cibo considerato e del modo in cui li consumiamo (esempio: impatto della cottura). In conclusione, capirai perché ci viene spesso consigliato di mangiare in maniera variegata !

Ed è qui che entrano in gioco gli enzimi digestivi. Prepareranno (scomponendolo) il cibo (quindi i macronutrienti) in modo che i micronutrienti possano essere assimilati.

Circuito e funzionamento della digestione, ruolo degli enzimi

Per illustrare meglio la digestione e le sue diverse fasi, puoi seguire il diagramma sottostante. Gli enzimi agiscono nei diversi compartimenti della digestione (bocca, stomaco, intestino tenue, colon) e specificamente per alcuni macronutrienti. Questi non vengono tutti digeriti allo stesso tempo, nello stesso luogo e alla stessa velocità, motivo per cui la digestione richiede diverse ore. L'obiettivo della digestione è trasformare il nostro cibo in nutrienti in modo che passino nel flusso sanguigno per raggiungere gli organi bersaglio del metabolismo (cervello, fegato, muscoli, tessuto adiposo, ecc.) Dove vengono utilizzati come fonte di energia, riserva, composti strutturali o come catalizzatore metabolico. Ogni macronutriente ha il proprio circuito di digestione [1,2]:

  • Proteine : le proteine ​​subiscono una prima idrolisi nello stomaco, che diventa acido all'arrivo del bolo alimentare, per azione di una proteasi acida: la pepsina. Quindi, passano attraverso l'intestino tenue, un mezzo neutro (non acido), per essere idrolizzati dalle proteasi prodotte dal pancreas e quindi dalle peptidasi intestinali per la fase terminale di degradazione. Gli amminoacidi e i piccoli peptidi possono quindi passare la barriera intestinale (intestino tenue) per raggiungere il flusso sanguigno.

  • Carboidrati digeribili : anche i polisaccaridi e i disaccaridi devono essere scomposti dai nostri enzimi digestivi. Infatti solo i monosaccaridi possono essere assimilati direttamente nell'intestino. Una prima idrolisi avviene quindi in bocca grazie alla saliva che contiene amilasi, e anche grazie al tempo di masticazione che viene esercitato: i poliosaccaridi diventano oligosaccaridi (carboidrati più piccoli). Ma è soprattutto nell'intestino tenue che i polisaccaridi e gli olisaccaridi vengono idrolizzati in monosaccaridi dalle osidasi (amilasi pancreatica, lattasi intestinale (= β-galattosidasi), saccarasi intestinale) per essere assorbiti e raggiungere il flusso sanguigno. Da notare che la lattasi può essere un vero problema per alcune persone. Le attività enzimatiche vengono mantenute e il nostro consumo di latte può diminuire in modo molto significativo nel corso della nostra vita, è possibile sviluppare malassorbimento del lattosio o addirittura intolleranza.

  • Carboidrati indigeribili : il nostro organismo invece non ha i sistemi enzimatici per digerire alcuni polisaccaridi la cui struttura è essenzialmente composta da legami β (emicellulosa, pectina, inulina ecc.), a differenza delle strutture composte da legami α (come l'amido). È soprattutto il nostro microbiota (flora batterica intestinale) che sostiene alcune fibre attraverso meccanismi di fermentazione o trasformazione. Per altri tipi di fibra che non possono essere fermentati, l'uomo non ha la cellulasi per digerire la cellulosa o l'α-galattosidasi per digerire gli α-galattosidi (i principali oligosaccaridi nei legumi). Questa categoria di fibre serve principalmente per aumentare il volume del bolo alimentare e garantire un transito ottimale.

  • Lipidi : La digestione dei grassi, principalmente dei trigliceridi, avviene dopo una fase di emulsione, che avviene principalmente all'inizio dell'intestino tenue. È quindi il risultato dell'azione di più lipasi pancreatiche (esterasi), che rilasciano acidi grassi, monogliceridi e colesterolo che vengono assorbiti dalle micelle (aggregati sferici con una parte polare e una parte apolare) dei sali biliari (secrezioni dalla bile). Questa fase è immediatamente seguita da una risintesi dei trigliceridi perché gli acidi grassi e il colesterolo sono nutrienti insolubili che vengono poi trasportati in circolo da grosse molecole sferiche chiamate chilomicroni.

Problemi di digestione: come possono aiutare gli enzimi ?

Sono frequenti i disturbi della digestione: gonfiore, stitichezza, crampi ... È in questo contesto che è stato sperimentato l'utilizzo di "integratori alimentari". Ti parliamo spesso di probiotici per riequilibrare e rivitalizzare la flora intestinale. Ma non è solo il microbiota! Alcuni inconvenienti possono anche essere direttamente collegati all'efficienza o al sovraccarico dei nostri enzimi digestivi. Questo è il motivo per cui la nozione di enzimi è diventata oggi parte dei nutraceutici. Il miglioramento dei disturbi digestivi potrebbe essere preso in considerazione assumendo un integratore enzimatico considerato promettente e sicuro [3–5]. Diverse manifestazioni potrebbero suggerire questa presa :

  • Dispepsia caratterizzata da dolore persistente o ricorrente nella parte superiore dell'addome associato a gonfiore, bruciore di stomaco, gas… Queste manifestazioni generano disagio rendendo la vita quotidiana più complessa e possono anche causare apprensione per il dolore. prendendo determinati pasti. Studi clinici su soggetti dispeptici hanno dimostrato che l'assunzione di un mix enzimatico composto classicamente da amilasi, proteasi, lipasi e lattasi migliorerebbe significativamente i sintomi di disagio digestivo. Questi dati quindi presumono che questa assunzione sarebbe efficace nell'ottimizzazione del processo di digestione [6,7].
  • Ad esempio periodi di stress, stanchezza o anche ripetizioni di pasti eccezionali.
  • Una situazione fisiologica particolare come l'invecchiamento. Nel tempo, le funzioni enzimatiche comprese quelle della digestione diventano sempre meno efficienti.
  • Sindrome dell'intestino irritabile (che colpisce principalmente il colon).

Cos'è un buon mix enzimatico digestivo ?

Come te, ci siamo chiesti quale fosse un buon mix di enzimi per la digestione. Se hai esaminato l'argomento, devi aver notato che non tutto è chiaro e che un buon numero di miscele offre un elenco esteso di enzimi. Da Nutri&Co, abbiamo identificato diversi criteri che ci sono sembrati i più rilevanti nella riflessione e formulazione della miscela :

  • Concentrarsi sull'essenziale costruendo una formulazione dai principali enzimi della digestione :
    1. Digestione delle proteine :
      - Proteasi : attività che riproduce quella della proteasi acida (pepsina),
      - Papaina : attività che riproduce quella delle proteasi pancreatiche.
    2. Digestione dei carboidrati (escluse le fibre) :
      - α-Amilasi: attività che imita quella dell'amilasi pancreatica.
    3. Digestione lipidica :
      - Lipasi: attività che riproduce quella della lipasi pancreatica.
    4. Digestione delle fibre :
      - Cellulasi e α-galattosidasi.

  • Aggiungere enzimi che l'uomo non può produrre, contribuendo alla digestione dei principali carboidrati indigeribili (fibra): cellulasi e α-galattosidasi.

  • Pensare a tutti i tipi di dieta e a molteplici stili di vita per far si che il mix sia adattoi al maggior numero di persone possibile.

  • Garantire un'origine non animale in modo da dare accesso al mix enzimatico mirato alla digestione a qualsiasi tipo di dieta (vegetariani e vegani).

  • Aggiungere infine un estratto in quantità efficace che sia attivo sulla digestione: abbiamo selezionato l'estratto di tarassaco, ben documentato per i suoi legami benefici sulla sfera digestiva [8].

E ovviamente : la lattasi !

Un mix enzimatico mirato per la digestione non può fare a meno della lattasi (o β-galattosidasi) e gli integratori di lattasi sono ben noti alle persone intolleranti al lattosio. Infatti, alcuni disturbi digestivi fisiologici possono verificarsi in caso di malassorbimento del lattosio o anche di intolleranza completa. Questi problemi di solito compaiono nel tempo perché il corpo "si abitua" al lattosio (meno lattasi) con conseguente cattiva digestione. Questo genera anche sintomi digestivi più o meno gravi. La nostra miscela contiene quindi una quantità di lattasi sufficiente per riprodurre efficacemente l'attività della lattasi intestinale. A questo livello, si presenta come un notevole supporto per la digestione del lattosio [9].

Publications

  1. Goodman, B.E. Insights into digestion and absorption of major nutrients in humans. Adv. Physiol. Educ. 2010, 34, 44–53, doi:10.1152/advan.00094.2009.
  2. Dainese-Plichon, R.; Hébuterne, X. Digestion et absorption des nutriments dans l’intestin grêle. EMC - Gastro-Entérologie 2012, 7, 1–14, doi:10.1016/S1155-1968(12)53630-8.
  3. Roxas, M. The Role of Enzyme Supplementation in Digestive Disorders. 2008, 13, 8.
  4. Edakkanambeth Varayil, J.; Bauer, B.A.; Hurt, R.T. Over-the-Counter Enzyme Supplements: What a Clinician Needs to Know. Mayo Clin. Proc. 2014, 89, 1307–1312, doi:10.1016/j.mayocp.2014.05.015.
  5. Swami, O.C.; Shah, N.J. Functional dyspepsia and the role of digestive enzymes supplement in its therapy. Int. J. Basic Clin. Pharmacol. 2017, 6, 1035, doi:10.18203/2319-2003.ijbcp20171653.
  6. Khandke, D.A.; Jain, S.K.; Shirsath, P.A.; Manager, A. Post-Marketing Surveillance Study to Assess the Efficacy and Tolerability of Al5zyme — A Multienzyme Preparation in Patients with Functional Dyspepsia. Indian Med. Gaz. 2013, 11.
  7. Majeed, M.; Majeed, S.; Nagabhushanam, K.; Arumugam, S.; Pande, A.; Paschapur, M.; Ali, F. Evaluation of the Safety and Efficacy of a Multienzyme Complex in Patients with Functional Dyspepsia: A Randomized, Double-Blind, Placebo-Controlled Study. J. Med. Food 2018, 21, 1120–1128, doi:10.1089/jmf.2017.4172.
  8. González-Castejón, M.; Visioli, F.; Rodriguez-Casado, A. Diverse biological activities of dandelion. Nutr. Rev. 2012, 70, 534–547, doi:10.1111/j.1753-4887.2012.00509.x.
  9. NIH Lactose Intolerance; 2014; p. 12.
EFFICACIA
BENEFICI
MODI D'USO
COMPOSIZIONE
SCIENZA

12.000 ALU di lattasi: niente più incubi con i latticini !
Se sei intollerante al lattosio, sai quanto sia essenziale la lattasi per la digestione dei latticini. La nostra miscela contiene fino a 12.000 ALU di lattasi (2 capsule / pasto) per consentirti di digerire cibi come latte, panna, alcuni formaggi o anche alcuni dolci con la massima tranquillità.

Un mix per tutti i terreni !
Oltre alla lattasi, la nostra formula contiene lipasi, papaina, proteasi, amilasi, cellulasi, α-galattosidasi e tarassaco per consentire l'azione su tutti i tipi di macronutrienti: proteine, lipidi e carboidrati. I latticini e i pasti abbondanti dovranno essere buoni !

Insisti sull'attività e non sulla quantità !
L'efficacia di un enzima non si misura dalla sua quantità ma dalla sua attività. Ognuno di loro ha una propria unità che deve essere presente sull'etichetta. Questa trasparenza è il riflesso di un dosaggio appositamente lavorato, lontano da miscele che enumerano un lungo elenco di enzimi senza garantirne l'attività.

Una lattasi adattabile alle tue esigenze
A seconda del grado di intolleranza e della quantità di latticini ingeriti, potrebbe essere necessario assumere da una (6000 ALU) a due (12000 ALU) capsule per pasto *.

* In tutti i casi, è importante non superare le 3 capsule al giorno.

  • La lattasi migliora la digestione del lattosio negli individui che hanno difficoltà a digerirlo.
  • Da consumare con prodotti contenenti lattosio (latte, panna, dessert a base di latte, formaggio). La tolleranza al lattosio varia da persona a persona, si prega di informarsi sul ruolo di questa sostanza nella propria dieta.
  • Il tarassaco stimola la digestione.

Quando assumere gli enzimi digestivi ?

  • All'inizio del pasto.
  • Non assumere senza pasti.

Nell’ambito :

  • Di intolleranza al lattosio.
  • Di un pasto troppo ricco (pasti delle vacanze, pasti difficili da digerire, ecc.).
  • Di difficoltà abituale a digerire durante i pasti.

Quante capsule ?

  • Si consigliano da 1 a 2 capsule durante il pasto.
  • In tutti i casi, non superare le 3 capsule al giorno.

Come prendere le sue capsule ?

  • Da prendere con un grande bicchiere d’acqua.
  • Non aprire le capsule.

Durata di un flacone

  • Da 30 a 60 giorni.

Condizioni di conservazione

  • Conservare in un luogo asciutto al riparo dalla luce.

Precauzioni

  • Non superare le 3 capsule al giorno.
  • Non superare da 1 a 2 capsule per pasto.
  • Non aprire le capsule.
  • Non adatto a bambini piccoli.
  • Integratore alimentare a base di enzimi e tarassaco, da utilizzare in aggiunta ad una dieta sana ed equilibrata.
CompostoPer 1 capsulaPer 2 capsule
Miscela di 7 enzimi325 mg650 mg
• Papaina30 000 PU(1) - 30 mg60 000 PU - 60 mg
• Proteasi20 000 HUT(2) - 30 mg40 000 HUT - 60 mg
• α-Amilasi1500 DU(3) - 30 mg3000 DU - 60 mg
• Cellulasi1500 CU(4) - 30 mg3000 CU - 60 mg
• Lipasi1500 FIP(5) - 30 mg3000 FIP - 60 mg
• α-Galattosidasi300 GalU(6) - 30 mg600 GalU - 60 mg
• β-Galattosidasi (lattasi)6000 ALU(7) - 30 mg12000 ALU - 60 mg
Tarassaco radice in polvere40 mg80 mg

(1) unità di papaina; (2) unità di emoglobina; (3) unità di destrinizzazione; (4) unità di cellulasi; (5) unità di lipasi; (6) unità galattosidasi; (7) unità di lattasi;

Ingredienti : miscela enzimatica Nutri & Co (agente di carica: gomma di acacia, papaina, proteasi, α-amilasi, cellulasi, lipasi, α-galattosidasi, β-galattosidasi (lattasi)) agente di rivestimento: idrossipropilmetilcellulosa; Tarassaco radice in polvere (Taraxacum Officinale).

Proteine, carboidrati, lipidi ... Chi sono ?
I nostri alimenti sono costituiti da grandi molecole chiamate macronutrienti e sono rappresentati da 3 categorie principali :

  • Proteine : le proteine ​​sono un insieme di unità di amminoacidi (leucina, treonina, lisina, triptofano, fenilalanina, valina, metionina, isoleucina…). Insieme, questi amminoacidi formano dipeptidi, tripeptidi ... cioè peptidi di diverse dimensioni che insieme formano proteine.

  • Carboidrati : I carboidrati sono un insieme di unità di saccaridi, equivalenti anche a monosaccaridi, i principali sono: glucosio, galattosio, mannosio, fruttosio e ribosio (presenti naturalmente nella nostra dieta). Il nostro cibo è composto principalmente da polisaccaridi come :
    1. amido (catene di unità di glucosio) presenti nella pasta amidacea, nel riso, nelle patate, nel pane ...,
    2. cellulosa presente nelle piante (ortaggi, frutta e legumi) in proporzioni maggiori o minori,
    3. alcuni carboidrati presenti sotto forma di disaccaridi come il saccarosio (zucchero da tavola).

  • Lipidi : i lipidi (o grassi) sono una raccolta di unità di acidi grassi. Nella nostra dieta li consumiamo principalmente sotto forma di trigliceridi, molecole che contengono 3 acidi grassi. Anche il colesterolo fa parte della categoria dei lipidi. Sono presenti nella nostra dieta attraverso il consumo di grassi da cucina (burro o olio) oppure cibi che ne sono ricchi come i formaggi o anche alcune carni grasse.

E il lattosio in tutto questo ?
Il lattosio è lo zucchero presente nel latte e quindi appartiene alla classe dei carboidrati. Nello specifico, è un disaccaride costituito da un'unità di glucosio e un'unità di galattosio. Si trova nei latticini (latte fresco, latte in polvere, yogurt, ricotta, panna, ecc.) o anche nei dolci (crema dolce, budino di riso, ecc.).

Dai macronutrienti ai micronutrienti
I nostri alimenti sono quindi un insieme di queste 3 grandi categorie di macronutrienti, ma non solo! È attraverso la scomposizione di questi macronutrienti che si ottengono gli amminoacidi, gli acidi grassi. Tra la categoria dei micronutrienti troviamo anche le vitamine e i minerali che vengono forniti direttamente dal nostro cibo, sempre in proporzioni variabili a seconda del cibo considerato e del modo in cui li consumiamo (esempio: impatto della cottura). In conclusione, capirai perché ci viene spesso consigliato di mangiare in maniera variegata !

Ed è qui che entrano in gioco gli enzimi digestivi. Prepareranno (scomponendolo) il cibo (quindi i macronutrienti) in modo che i micronutrienti possano essere assimilati.

Circuito e funzionamento della digestione, ruolo degli enzimi
Per illustrare meglio la digestione e le sue diverse fasi, puoi seguire il diagramma sottostante. Gli enzimi agiscono nei diversi compartimenti della digestione (bocca, stomaco, intestino tenue, colon) e specificamente per alcuni macronutrienti. Questi non vengono tutti digeriti allo stesso tempo, nello stesso luogo e alla stessa velocità, motivo per cui la digestione richiede diverse ore. L'obiettivo della digestione è trasformare il nostro cibo in nutrienti in modo che passino nel flusso sanguigno per raggiungere gli organi bersaglio del metabolismo (cervello, fegato, muscoli, tessuto adiposo, ecc.) Dove vengono utilizzati come fonte di energia, riserva, composti strutturali o come catalizzatore metabolico. Ogni macronutriente ha il proprio circuito di digestione [1,2]:

  • Proteine : le proteine ​​subiscono una prima idrolisi nello stomaco, che diventa acido all'arrivo del bolo alimentare, per azione di una proteasi acida: la pepsina. Quindi, passano attraverso l'intestino tenue, un mezzo neutro (non acido), per essere idrolizzati dalle proteasi prodotte dal pancreas e quindi dalle peptidasi intestinali per la fase terminale di degradazione. Gli amminoacidi e i piccoli peptidi possono quindi passare la barriera intestinale (intestino tenue) per raggiungere il flusso sanguigno.

  • Carboidrati digeribili : anche i polisaccaridi e i disaccaridi devono essere scomposti dai nostri enzimi digestivi. Infatti solo i monosaccaridi possono essere assimilati direttamente nell'intestino. Una prima idrolisi avviene quindi in bocca grazie alla saliva che contiene amilasi, e anche grazie al tempo di masticazione che viene esercitato: i poliosaccaridi diventano oligosaccaridi (carboidrati più piccoli). Ma è soprattutto nell'intestino tenue che i polisaccaridi e gli olisaccaridi vengono idrolizzati in monosaccaridi dalle osidasi (amilasi pancreatica, lattasi intestinale (= β-galattosidasi), saccarasi intestinale) per essere assorbiti e raggiungere il flusso sanguigno. Da notare che la lattasi può essere un vero problema per alcune persone. Le attività enzimatiche vengono mantenute e il nostro consumo di latte può diminuire in modo molto significativo nel corso della nostra vita, è possibile sviluppare malassorbimento del lattosio o addirittura intolleranza.

  • Carboidrati indigeribili : il nostro organismo invece non ha i sistemi enzimatici per digerire alcuni polisaccaridi la cui struttura è essenzialmente composta da legami β (emicellulosa, pectina, inulina ecc.), a differenza delle strutture composte da legami α (come l'amido). È soprattutto il nostro microbiota (flora batterica intestinale) che sostiene alcune fibre attraverso meccanismi di fermentazione o trasformazione. Per altri tipi di fibra che non possono essere fermentati, l'uomo non ha la cellulasi per digerire la cellulosa o l'α-galattosidasi per digerire gli α-galattosidi (i principali oligosaccaridi nei legumi). Questa categoria di fibre serve principalmente per aumentare il volume del bolo alimentare e garantire un transito ottimale.

  • Lipidi : La digestione dei grassi, principalmente dei trigliceridi, avviene dopo una fase di emulsione, che avviene principalmente all'inizio dell'intestino tenue. È quindi il risultato dell'azione di più lipasi pancreatiche (esterasi), che rilasciano acidi grassi, monogliceridi e colesterolo che vengono assorbiti dalle micelle (aggregati sferici con una parte polare e una parte apolare) dei sali biliari (secrezioni dalla bile). Questa fase è immediatamente seguita da una risintesi dei trigliceridi perché gli acidi grassi e il colesterolo sono nutrienti insolubili che vengono poi trasportati in circolo da grosse molecole sferiche chiamate chilomicroni.

Problemi di digestione: come possono aiutare gli enzimi ?
Sono frequenti i disturbi della digestione: gonfiore, stitichezza, crampi ... È in questo contesto che è stato sperimentato l'utilizzo di "integratori alimentari". Ti parliamo spesso di probiotici per riequilibrare e rivitalizzare la flora intestinale. Ma non è solo il microbiota! Alcuni inconvenienti possono anche essere direttamente collegati all'efficienza o al sovraccarico dei nostri enzimi digestivi. Questo è il motivo per cui la nozione di enzimi è diventata oggi parte dei nutraceutici. Il miglioramento dei disturbi digestivi potrebbe essere preso in considerazione assumendo un integratore enzimatico considerato promettente e sicuro [3–5]. Diverse manifestazioni potrebbero suggerire questa presa :

  • Dispepsia caratterizzata da dolore persistente o ricorrente nella parte superiore dell'addome associato a gonfiore, bruciore di stomaco, gas… Queste manifestazioni generano disagio rendendo la vita quotidiana più complessa e possono anche causare apprensione per il dolore. prendendo determinati pasti. Studi clinici su soggetti dispeptici hanno dimostrato che l'assunzione di un mix enzimatico composto classicamente da amilasi, proteasi, lipasi e lattasi migliorerebbe significativamente i sintomi di disagio digestivo. Questi dati quindi presumono che questa assunzione sarebbe efficace nell'ottimizzazione del processo di digestione [6,7].
  • Ad esempio periodi di stress, stanchezza o anche ripetizioni di pasti eccezionali.
  • Una situazione fisiologica particolare come l'invecchiamento. Nel tempo, le funzioni enzimatiche comprese quelle della digestione diventano sempre meno efficienti.
  • Sindrome dell'intestino irritabile (che colpisce principalmente il colon).

Cos'è un buon mix enzimatico digestivo ?
Come te, ci siamo chiesti quale fosse un buon mix di enzimi per la digestione. Se hai esaminato l'argomento, devi aver notato che non tutto è chiaro e che un buon numero di miscele offre un elenco esteso di enzimi. Da Nutri&Co, abbiamo identificato diversi criteri che ci sono sembrati i più rilevanti nella riflessione e formulazione della miscela :

  • Concentrarsi sull'essenziale costruendo una formulazione dai principali enzimi della digestione :
    1. Digestione delle proteine :
      - Proteasi : attività che riproduce quella della proteasi acida (pepsina),
      - Papaina : attività che riproduce quella delle proteasi pancreatiche.
    2. Digestione dei carboidrati (escluse le fibre) :
      - α-Amilasi: attività che imita quella dell'amilasi pancreatica.
    3. Digestione lipidica :
      - Lipasi: attività che riproduce quella della lipasi pancreatica.
    4. Digestione delle fibre :
      - Cellulasi e α-galattosidasi.

  • Aggiungere enzimi che l'uomo non può produrre, contribuendo alla digestione dei principali carboidrati indigeribili (fibra): cellulasi e α-galattosidasi.

  • Pensare a tutti i tipi di dieta e a molteplici stili di vita per far si che il mix sia adattoi al maggior numero di persone possibile.

  • Garantire un'origine non animale in modo da dare accesso al mix enzimatico mirato alla digestione a qualsiasi tipo di dieta (vegetariani e vegani).

  • Aggiungere infine un estratto in quantità efficace che sia attivo sulla digestione: abbiamo selezionato l'estratto di tarassaco, ben documentato per i suoi legami benefici sulla sfera digestiva [8].

E ovviamente : la lattasi !
Un mix enzimatico mirato per la digestione non può fare a meno della lattasi (o β-galattosidasi) e gli integratori di lattasi sono ben noti alle persone intolleranti al lattosio. Infatti, alcuni disturbi digestivi fisiologici possono verificarsi in caso di malassorbimento del lattosio o anche di intolleranza completa. Questi problemi di solito compaiono nel tempo perché il corpo "si abitua" al lattosio (meno lattasi) con conseguente cattiva digestione. Questo genera anche sintomi digestivi più o meno gravi. La nostra miscela contiene quindi una quantità di lattasi sufficiente per riprodurre efficacemente l'attività della lattasi intestinale. A questo livello, si presenta come un notevole supporto per la digestione del lattosio [9].

Publications

  1. Goodman, B.E. Insights into digestion and absorption of major nutrients in humans. Adv. Physiol. Educ. 2010, 34, 44–53, doi:10.1152/advan.00094.2009.
  2. Dainese-Plichon, R.; Hébuterne, X. Digestion et absorption des nutriments dans l’intestin grêle. EMC - Gastro-Entérologie 2012, 7, 1–14, doi:10.1016/S1155-1968(12)53630-8.
  3. Roxas, M. The Role of Enzyme Supplementation in Digestive Disorders. 2008, 13, 8.
  4. Edakkanambeth Varayil, J.; Bauer, B.A.; Hurt, R.T. Over-the-Counter Enzyme Supplements: What a Clinician Needs to Know. Mayo Clin. Proc. 2014, 89, 1307–1312, doi:10.1016/j.mayocp.2014.05.015.
  5. Swami, O.C.; Shah, N.J. Functional dyspepsia and the role of digestive enzymes supplement in its therapy. Int. J. Basic Clin. Pharmacol. 2017, 6, 1035, doi:10.18203/2319-2003.ijbcp20171653.
  6. Khandke, D.A.; Jain, S.K.; Shirsath, P.A.; Manager, A. Post-Marketing Surveillance Study to Assess the Efficacy and Tolerability of Al5zyme — A Multienzyme Preparation in Patients with Functional Dyspepsia. Indian Med. Gaz. 2013, 11.
  7. Majeed, M.; Majeed, S.; Nagabhushanam, K.; Arumugam, S.; Pande, A.; Paschapur, M.; Ali, F. Evaluation of the Safety and Efficacy of a Multienzyme Complex in Patients with Functional Dyspepsia: A Randomized, Double-Blind, Placebo-Controlled Study. J. Med. Food 2018, 21, 1120–1128, doi:10.1089/jmf.2017.4172.
  8. González-Castejón, M.; Visioli, F.; Rodriguez-Casado, A. Diverse biological activities of dandelion. Nutr. Rev. 2012, 70, 534–547, doi:10.1111/j.1753-4887.2012.00509.x.
  9. NIH Lactose Intolerance; 2014; p. 12.

Da dove provengono i nostri ingredienti ?

Origine des ingrédients du Millet Biotine
Miscela enzimatica Nutri&Co - Axyar

Luogo di cultura degli enzimi : Giappone (Tokyo) - Stati Uniti (Virginia) - Belgio (Liegi) - Bulgaria (Sofia). Costituzione della miscela enzimatica : Gembloux, Belgio
Axyar è un'azienda specializzata in integratori alimentari a base di enzimi. Questo mix digestivo è stato progettato e prodotto su misura per Nutri&Co.

Tarassaco in polvere - L’Herbier Du Diois

Origine delle radici di tarassaco : Eurasia - Produzione : Châtillon en Diois, Francia
Situato nella Drôme, l'Herbier du Diois beneficia di oltre 40 anni di esperienza nella produzione di estratti e polveri di piante aromatiche biologiche.

Produzione di capsule - Novapharm

Vendargues, Francia
Novapharm ha più di 25 anni di esperienza nella produzione di capsule nutraceutiche.

Miscela enzimatica Nutri&Co - Axyar

Luogo di cultura degli enzimi : Giappone (Tokyo) - Stati Uniti (Virginia) - Belgio (Liegi) - Bulgaria (Sofia). Costituzione della miscela enzimatica : Gembloux, Belgio
Axyar è un'azienda specializzata in integratori alimentari a base di enzimi. Questo mix digestivo è stato progettato e prodotto su misura per Nutri&Co.

Tarassaco in polvere - L’Herbier Du Diois

Origine delle radici di tarassaco : Eurasia - Produzione : Châtillon en Diois, Francia
Situato nella Drôme, l'Herbier du Diois beneficia di oltre 40 anni di esperienza nella produzione di estratti e polveri di piante aromatiche biologiche.

Produzione di capsule - Novapharm

Vendargues, Francia
Novapharm ha più di 25 anni di esperienza nella produzione di capsule nutraceutiche.

Prodotti da associare

FAQ

Qual è la differenza con i probiotici ?

I probiotici sono microrganismi viventi (batteri o lieviti) che digeriscono alcune fibre. Gli enzimi sono proteine ​​(grandi molecole) generalmente prodotte dal nostro corpo. Il loro ruolo è quello di abbattere i macronutrienti (carboidrati, proteine, lipidi) per trasformarli in micronutrienti e permettere il loro assorbimento nel sangue.

Perché il vostro mix non contiene pancreatina ?

La pancreatina è ottenuta dal succo pancreatico animale, solitamente carne di maiale. Contiene naturalmente una miscela di enzimi digestivi: amilasi, tripsina, proteasi (soprattutto chimotripsina) e lipasi. Poiché volevamo una miscela non animale, è stata progettata per includere diverse proteasi (compresa la papaina), una lipasi e un'amilasi tutte provenienti dalla fermentazione. Pertanto, questa miscela svolge una funzione paragonabile alla pancreatina mentre è adatta a vegetariani e vegani.

Perché il mix non contiene bromelina ?

La bromelina (complesso proteolitico, estratto di ananas) è nota per i suoi benefici digestivi. Tuttavia, la sua attività nel sistema digerente è condizionata da alte dosi e alta concentrazione, cosa che si riscontra abbastanza raramente nei nutraceutici. Abbiamo quindi deciso di sostituirlo con una selezione di enzimi più mirati ed efficaci sulla sfera digestiva in quantità minori, tra cui la papaina.

Funziona per l’intolleranza al glutine ?

Sfortunatamente no. L'intolleranza al glutine è legata ad altri meccanismi (reazione autoimmune) e non è possibile risolverli con un approccio enzimatico, sebbene siano in corso alcune ricerche molto preliminari.

È adatto ai vegetariani ?

Sì, è adatto ai vegani poiché tutti gli enzimi provengono da processi di fermentazione, e non sono in nessun caso di origine animale.

Assumere questo mix ogni giorno non rischia di sregolare la mia digestione ?

Il nostro mix può essere assunto regolarmente senza alcun problema. Tuttavia, se persistono difficoltà digestive, ti consigliamo di adattare la tua dieta o di consultare un operatore sanitario che ti accompagni e ti aiuti a determinare la causa principale di questi disturbi. In tutti i casi, non superare le 3 capsule al giorno.

Cosa si intende esattamente con "pasto troppo ricco" ?

Per pasti ricchi si intende soprattutto pasti troppo abbondanti: troppa carne (proteine), troppo grasso (lipidi), dolce troppo dolce (carboidrati). Un pasto troppo ricco è spesso un pasto festoso, sostanzioso e non necessariamente equilibrato.

Ho bisogno di questo mix se non sono intollerante al lattosio ?

La nostra miscela contiene lattasi per aiutare a digerire il lattosio. Contiene altri enzimi coinvolti nella digestione di proteine ​​e grassi, oltre al dente di leone. Ti aiuterà a digerire il lattosio, ma anche qualsiasi tipo di pasto pesante !

Perché non le capsule gastroresistenti ?

Chi ci conosce ha familiarità con le DR-Caps, capsule gastroresistenti utilizzate per il nostro probiotico. Queste capsule proteggono i batteri lattici dall'acidità dello stomaco per trasportarli nell'intestino. Ma la situazione è completamente diversa per gli enzimi. Alcuni di loro, come la proteasi, iniziano a lavorare nello stomaco e quindi devono essere rilasciati rapidamente. Non sono quindi necessarie capsule gastroresistenti per la nostra miscela enzimatica.

Questo mix enzimatico aiuta nella digestione delle proteine ?

Per i consumatori di proteine, una miscela di enzimi può essere utile su due livelli :
- facilitare la digestione del lattosio presente nelle proteine ​​del latte (siero di latte, e che causa disturbi digestivi negli intolleranti al lattosio),
- alcune persone lo utilizzano per ottimizzare l'idrolisi e l'assimilazione di proteine ​​animali o vegetali.